Blog

Genova, 30 giugno 2020

La Resistenza era fatta di persone come me e te, agricoltori, distillatori, bracconieri, maestri, locandieri, dottori, camiciaie. Non erano eroi, erano solo dei disperati! Il terrorista nero (2012), di Tierno Monénembo La Resistenza non è nei boschi che la trovi, ma dentro di te. Il terrorista nero (2012), di Tierno Monénembo La moschea di Parigi … Continua a leggere Genova, 30 giugno 2020

Genova, 29 giugno 2020

Mio padre è morto l’anno in cui l’AIDS ha fatto la sua comparsa. Ma aveva già intravisto l’oblio strategico in cui le grandi potenze coloniali dimenticano un continente dopo averlo sfruttato. I tiranni Bokassa e Idi Amin Dada, saliti al potere con l’aiuto di Francia e Inghilterra, cui i governi occidentali hanno fornito armi e … Continua a leggere Genova, 29 giugno 2020

Genova, 28 giugno 2020

Un giorno c’era un tale caldo che a Fantozzi alle undici del mattino, mentre era in cucina che faceva correre un po’ d’acqua per bere, comparve improvvisamente la Madonna. Era in piedi sull’acquaio e gli sorrideva, poi scomparve. “Sarà questo maledetto caldo” si disse: e decise di raggiungere la moglie in campagna. Mentre si preparava … Continua a leggere Genova, 28 giugno 2020

Genova, 27 giugno 2020

[…] il mio odio per la borghesia è in realtà una specie di ripugnanza fisica verso la volgarità piccoloborghese, la volgarità delle “buone maniere” ipocrite, e così via. Forse soprattutto perché trovo insopportabile la grettezza intellettuale di questa gente. Pasolini su Pasolini (1968), di Pier Paolo Pasolini e Jon Halliday

Genova, 26 giugno 2020

[…] ogni italiano è marxista, così come ogni italiano è cattolico. Il prete intelligente analizza sempre la società in termini marxisti, lo fa perfino il Papa. Una frase usata da Paolo VI che misi nel mio Uccellacci e uccellini fu creduta da tutti una frase di Marx. Il marxismo è parte della cultura italiana. Pasolini … Continua a leggere Genova, 26 giugno 2020

Genova, 25 giugno 2020

Che cosa significa per me un processo? Se mi mettono in carcere non me ne importa affatto. È una cosa di cui non mi curo. Per me non fa nessuna differenza, nemmeno dal punto di vista economico. Se finirò in prigione, avrò modo di leggere tutti i libri che altrimenti non sarei mai riuscito a … Continua a leggere Genova, 25 giugno 2020

Genova, 24 giugno 2020

Nell’immediato dopoguerra i braccianti erano impegnati in una massiccia lotta contro i grandi proprietari terrieri del Friuli. Per la prima volta in vita mia, mi trovai, fisicamente, del tutto impreparato, e questo perché il mio antifascismo era puramente estetico e culturale, non politico. Per la prima volta mi trovai di fronte alla lotta di classe, … Continua a leggere Genova, 24 giugno 2020

Genova, 23 giugno 2020

Mio padre non era religioso e non credeva in Dio, ma essendo nazionalista e fascista era, naturalmente, attaccato alle convenienze, e ci portava a messa la domenica per ragioni “sociali”. Pasolini su Pasolini (1968), di Pier Paolo Pasolini e Jon Halliday

Genova, 22 giugno 2020

Avevo sempre pensato di odiare mio padre, ma in realtà non era così; avevo con lui un rapporto conflittuale, nei suoi confronti ero in uno stato di tensione permanente e addirittura violenta. Per questo c’erano molti motivi. Il principale: che era prepotente, egoista, egocentrico, tirannico e autoritario, anche se allo stesso tempo straordinariamente ingenuo. Inoltre, … Continua a leggere Genova, 22 giugno 2020

Genova, 21 giugno 2020

Non ci si libera di una cosa evitandola, ma soltanto attraversandola. (novembre 1945) Il mestiere di vivere (1952), di Cesare Pavese

Caricamento…

Something went wrong. Please refresh the page and/or try again.


Segui il mio blog

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.